Un romanzo sull’Italietta che premia i mediocri

Condividi questo contenuto su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Parla di quell’Italia in cui gli uomini senza virtù vengono sistematicamente premiati “La comparsa” (Gam editore), romanzo di debutto del giornalista bresciano Andrea Tortelli. Un piccolo caso editoriale che parte dalla provincia, ma che sta già raccogliendo interesse in tutta la Penisola e che si sta diffondendo velocemente – in maniera virale – sui principali social network. Anche grazie a un simpatico concorso/tormentone via Facebook in cui i volti dei lettori si accompagnano al libro negli autoscatti via cellulare, contendendosi – sulla base del numero di “mi piace” raccolti – un aperitivo con l’autore e una vera bombetta inglese, come quella del personaggio raffigurato in copertina.Il libro – in vendita nelle librerie e on line a 10 euro (8.50 euro su Ibs.it e inMondadori.it) – è la biografia immaginaria di Agazio Sanguedolce, siciliano trasferito a Roma che nella vita ricopre sistematicamente il ruolo della comparsa. Nato da una “comparsata” del padre e da una madre che di lavoro fa la prèfica, cioè piange ai funerali, Agazio trascorre tutta la sua tragicomica esistenza in questa parte: reggimoccolo, fidanzato a noleggio, centurione al Colosseo, attore nei programmi “verità” in tv, prestanome inconsapevole per attività poco lecite e via dicendo. Finché un giorno, dopo la morte della madre, trova conforto alla solitudine iscrivendosi al Partito degli italiani (“la grande mamma”) e cambia vita. Chiamato a sé dall’Altissimo, il protagonista del libro inizia una folgorante carriera politica che lo porta a diventare ministro della Repubblica. Pur restando di fatto una comparsa.

Una storia – che fa ridere e fa riflettere – ambientata nell’Italietta contemporanea, con figure (dai politici ai personaggi della tv) e “scene” che richiamano apertamente la cronaca degli ultimi anni. Mentre per il protagonista, l’autore ammicca a Pirandello e al Fantozzi di Paolo Villaggio. Ma anche alla parabola del famoso “biondino degli 883”. A lui nel racconto vengono anche concessi un cammeo e una originale postfazione, in cui Tortelli – partendo da un tentativo di intervista andato a vuoto – svela il segreto della “fine” di Mauro Repetto.

Nel novembre 2013 il romanzo è stato premiato con il riconoscimento Microeditoria di qualità nell’ambito della Rassegna della Microeditoria Italiana di Chiari (Bs).

Ulteriori informazioni sul libro sono disponibili alla pagina Facebook: http://www.facebook.com/libroLACOMPARSA.

 

TROVI IL LIBRO NEI SEGUENTI PUNTI DI DISTRIBUZIONE:

MILANO: Libreria scientifica Aeiou, via V.M. Coronelli 6 (sito)

BRESCIA: Libreria Il Libraccio, Corso Magenta

BRESCIA: Libreria Serra Tarantola, Corso Zanardelli

BRESCIA: Libreria Mondadori, via Mazzini 20

BRESCIA: Edicola Corso Magenta (vicino al conservatorio)

ROVATO: Libreria Vantiniana, piazza Cavour

ROVATO: Edicola Amighetti Sonia, via Solferino (Crocevia)

CHIARI: Libreria-edicola Edicolè, via XXVI aprile 29

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *