“Gli ebook fanno male alla salute”, le cazzate di più

Condividi questo contenuto su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

“A oggi non è dimostrato da nessuna parte che l’impatto sempre più pervasivo degli strumenti elettronici sui ragazzi non sia nocivo per la salute, senza contare che la memorizzazione e la comprensione sono meno sollecitati dai supporti elettronici”. Così affermano in una nota congiunta – senza vergogna – l’Associazione italiana editori (Aie), la Federazione della Filiera della Carta e della Grafica, l’Associazione librai italiani (Ali) e l’Associazione nazionale agenti rappresentanti e promotori editoriali (Anarpe).

E le altre motivazioni addotte per attaccare il decreto Profumo – quello che dispone ai Collegi dei docenti di adottare, dall’anno scolastico 2014/2015, solo libri nella versione digitale o mista – non sono da meno. Nel comunicato si afferma anche che il decreto riversa “sulle imprese e sulle famiglie l’onere per l’innovazione scolastica, prevedendo addirittura che queste ultime versino alle scuole quanto eventualmente risparmiato o lo destinino per l’acquisto di tablet o pc”. Il tutto senza assicurare “alcun vantaggio in termini di risultati didattici attesi e, soprattutto, di tutela dei bilanci familiari”.

Già. Dunque il presupposto del ragionamento è che gli editori faranno cartello e che i prezzi dei libri di testo non caleranno in maniera significativa nonostante la sparizione della carta riduca drasticamente i costi di produzione? E la famiglia di uno studente non trarrà davvero alcun vantaggio economico dallo scaricare gratuitamente – e legalmente dal web – i grandi classici della letteratura i cui diritti d’autore sono scaduti da tempo? E che dire dell’ipotesi (insinuazione) iniziale sulla nocività per la salute dei supporti elettronici: gli editori stanno forse proponendo di vietare l’utilizzo di tablet e computer a tutti i ragazzi in età scolare perché fanno male? Oppure stanno direttamente proponendo di vietare il futuro, almeno quando questo contrasta con un business secolarizzato? Ai miei 25 lettori la risposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *