Il 2014 sarà l’anno fortunato di Rosario Chìarchiaro, forse

Condividi questo contenuto su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il 6 febbraio dello scorso anno (giorno del mio compleanno) al Libraccio di Brescia si è tenuta la prima presentazione del romanzo La Comparsa. Negli anni precedenti avevo pubblicato tre libri di poesie. Ora – lo anticipo ai miei 25 lettori – sono impegnato nella scrittura di un nuovo libro, intitolato il Malasorto.

Il Malasorto racconta la vita di Rosario Chiarchiaro, siciliano come Agazio Sanguedolce, il cui nome è un omaggio a Pirandello. Il suo Rosario Chiarchiaro è quello che si rivolge a un giudice perché gli venga riconosciuta la “patente” di iettatore. Il mio Rosario Chiarchiaro non sa di essere iettatore finché, alle medie, la maestra obbliga la classe a leggere La Patente e – complice la ferocia degli adolescenti – lo induce al suo terribile destino di iettatore. Chiarchiaro, così, diventa il becchino del paese. Evitato da tutti. Per trent’anni “lo iettatore” lavora al progetto di strapparsi la maschera che si è trovato indosso. Non rivolgendosi a un giudice. Ma cercando di convincere l’intero paese – attraverso una grande messa in scena in cui investe tutti i risparmi di una vita – di essere uomo fortunato e di aver vinto milioni di euro al Gratta e vinci. Qui inizia la sua avventura. Che spero potrete leggere per intero entro la fine del 2014.

Il libro sarà disponibile in cartaceo ed in ebook (per tutti gli ereader). Ma probabilmente anche in audiolibrio. Nel frattempo sto lavorando anche ad altri progetti, compresa la conversione de La Comparsa in audiolibro.

 

ULTERIORI INFORMAZIONI ALLA PAGINA FACEBOOK:

https://www.facebook.com/ilmalasorto

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *